Indian Chicken Deluxe

L’ho già detto che mi piace il pollo? Si, di sicuro l’ho già detto.
Beh, questa è una ricetta che, con qualche espediente, può diventare un must. Se avete amici a cena o semplicemente vi va di mangiare qualcosa di gustosamente gustoso, ecco cosa dovete fare.

IMG_20131102_210703

Ingredienti (per 4 persone):

  • 400 gr di pollo
  • 1 zucchina
  • 1 peperone
  • 1 cipolla
  • 350 gr di riso originario
  • 750 ml di latte
  • due cucchiai di farina (belli pieni)
  • 50 gr di burro
  • curry a piacere
  • paprika piccante a piacere
  • curcuma a piacere
  • olio EVo q.b.
  • sale q.b.
  • pepe q.b.
  • farina q.b.
  • 2 chiare d’uovo
  • due cucchiai di bicarbonato

Preparazione:

Quante volte vi siete chiesti come fanno i ristoranti cinesi a servire quel pollo morbido, succoso, viscido, ma piacevole? Io tante che alla fine ho deciso che era il caso di svelare l’arcano mistero. E così è stato.
La chimica ci viene in aiuto.
Prendete il vosto pollo, tagliatelo a tocchetti, ed infilatelo in un sacchetto alimentare insieme a due cucchiai di bicarbonato di sodio. Si, quello per il mal di stomaco. Shackerate il tutto per bene.
Il bicarbonato impedirà al pollo, ed in generale a tutte le carni bianche, di avviare un processo interno che genera un difetto chiamato PSE, che sta per pallid-soft-sudative, letteralmente (riferito alla carne): pallida, molle, sudata. E’ una caratteristica di tutte le carni bianche, principalmente di pollo e tacchino. Motivo per cui i due signorini qui sopra quando li cuoci vengono quasi sempre secchi, a meno di non rosolarli violentemente per sigillarli. Il che esclude comunque la possibilità di una cottura lunga.
In buona sostanza, per quello che vogliamo fare noi, l’uso del bicarbonato farà in modo che il pollo non perda liquidi in cottura, che la carne resti consistente, ma non “molle” e che il colore tenda allo scuro piuttosto che al pallido.
Tralascio le spiegazioni scientifiche, perchè mi sono dovuto leggere due tesi di laurea per capirci qualcosa e comunqune resta, in parte, un’alchimia inspiegabile al pari della fetta biscottata che cade sempre dal lato imburrato.
Voi fidatevi. Funziona.
Dopo mezz’ora lavate per bene il pollo sotto l’acqua corrente, poi infarinatelo leggermente e mettetelo a marinare insieme alle chiare d’uovo e del sale. Un’ora.
Trascorso il tempo, possiamo passare alla preparazione vera e propria del piatto.
In un pentolino mettete 30-40 grammi di burro e due cucchiai abbondanti di farina. Tostatela e, quando il composto risulterà brunito, aggiungete mezzo litro di latte. Si, è una besciamella. Si, senza noce moscata. Al suo posto, invece, abbondate in curry e dosate a piacimento la paprika piccante. Fatela rassodare e tenete da parte.
In una padella mettete a rosolare mezza cipolla. Tagliate le verdure a cubetti (io avevo anche delle erbette, oltre a peperoni e zucchine) e saltatele insieme alla cipolla. Di tanto in tanto, aggiungete dell’acqua. Non tanta perchè vogliamo sempre che soffriggano e non che si stufino. Salate.
Una volta cotte, aggiungete la besciamella al curry.
In un’altra pentola, questa volta ne preferirete una dai bordi alti, mettete dell’olio, il burro rimanente, l’altra mezza cipolla ed i pollo. Fatelo cuocere a fiamma vivace per pochi minuti, girando spesso per evitare che si attacchi al fondo. Aggiungete poi 250 ml di latte, abbassate la fiamma, salate ed aggiungete curcuma e pepe (ricordatevi che solo con il pepe il vostro corpo assorbirà la vitamina c presente nella curcuma). Fatelo andare finchè il latte non sarà diventato una salsa densa.
Mettete a cuocere del riso. Lo vogliamo naturale. Lesso.
Una volta pronto, impiattate il tutto. Riso, contorno di verdure con besciamella al curry, ed una bella mestolata di pollo in salsa. Mi ringrazierete, credetemi.

Costo: direi cinque o sei euro per quattro persone. Tempo di preparazione: marinatura esclusa, mezz’ora.

Enjoy!

p.s. Esistono altri tipi di marinatura che rendono morbida la carne di pollo, ad esempio la marinatura nel latte per 8-10 ore, oppure quella nello jogurt per 3-4 ore…ma questa è la più rapida ed economica, secondo me.

Annunci

3 thoughts on “Indian Chicken Deluxe

  1. Pingback: Pollo Speziaterror | Cos'ho nel frigo?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...